Collirio antistaminico: a cosa serve e quando usarlo

cosa-sono-i-colliri-antistaminici-quando-usarli

I fastidi che possono affliggere i nostri occhi sono molteplici, ognuno dei quali può richiedere un trattamento specifico. Non tutti i tipi di collirio sono uguali. In commercio, infatti, è possibile trovare colliri specifici per il trattamento di determinate patologie dell’occhio, ma anche colliri, ad esempio, per alleviare fastidi o infiammazioni non gravi. In generale, è opportuno essere a conoscenza del fatto che utilizzare in maniera impropria o eccessiva un collirio può comportare problemi alla salute dell’occhio.

Quando avvertiamo una condizione di disagio o un problema agli occhi, il consiglio è di rivolgersi all’oculista prima di intraprendere un trattamento a base di colliri o instillare gocce oculari autonomamente.
Una delle condizioni principali frequentemente riscontrate dagli oftalmologi sono le allergie oculari. Nel caso del trattamento di allergia agli occhi è probabile che l’oculista consigli di utilizzare un collirio antistaminico.

Caratteristiche dei colliri antistaminici

Il termine “antistaminico” fa riferimento ad una classe di farmaci che hanno il compito di contrastare le reazioni allergiche che possono scatenarsi quando l’organismo entra a contatto con allergeni, sostanze solitamente innocue ma in grado di provocare delle manifestazioni allergiche.
La composizione dei farmaci antistaminici è varia. La natura chimica può infatti essere differente da antistaminico ad antistaminico, ma lo scopo è sostanzialmente lo stesso: contrastare l’azione dell’istamina.

Il collirio Octilia Allergia e Infiammazione è un antistaminico decongestionante che contiene come principio attivo feniramina maleato e tetrizolina cloridrato. L’azione antistaminica è legata al primo principio attivo, la feniramina maleato che agisce per contrastare i sintomi dell’allergia.

Quando usare un collirio antistaminico

Un antistaminico, dunque, agisce per contrastare la risposta dei recettori, impedendo all’istamina, la sostanza prodotta in eccesso durante i fenomeni di allergia, di aumentare gli effetti della reazione allergica in corso.

I colliri antistaminici sono dei farmaci che hanno lo scopo di alleviare i sintomi oculari delle reazioni allergiche. I sintomi dell’allergia oculare sono diversi, tra i più frequenti ricordiamo:

  • Prurito, arrossamento o bruciore agli occhi;
  • Palpebre leggermente gonfie;
  • Fotofobia;
  • Sensazione di sabbia negli occhi;
  • Visione lievemente offuscata.

Quando si avvertono questi sintomi, prima di assumere un collirio antistaminico, è consigliabile chiedere un consulto al proprio medico o all’oculista per accertarsi che i fastidi siano dovuti a reazioni allergiche scatenate da allergeni con cui si è entrati a contatto.

Nel caso in cui venga appurato che si tratti di una forma allergica occorrerà seguire le indicazioni ricevute dal medico e sottoporsi al trattamento. È sempre sconsigliato assumere in autonomia qualsiasi tipo di farmaco, ma lo è ancor più in caso di assunzione di farmaci antistaminici. Questi ultimi possono, infatti, avere degli effetti collaterali anche pericolosi. In generale, i colliri antistaminici contengono farmaci che inibiscono i recettori di tipo H1, provocando sonnolenza, stanchezza, vista offuscata e altri effetti sul sistema nervoso centrale.

*Octilia allergia e infiammazione è un medicinale. Leggere attentamente il foglio illustrativo. Autorizzazione del 16/04/2020